Home >> Chi siamo >> Trasparenza e sostenibilità

Carta del volontariato AISM

 

Indice

La dimensione del volontariato AISM

Il valore della Carta del volontariato

Riferimenti interni ed esterni

Principi di riferimento, modelli di comportamento, valori del volontario AISM

Accettazione, diffusione e conoscenza

 

La dimensione del volontariato AISM

L’Associazione Italiana Sclerosi Multipla Onlus è associazione apartitica, apolitica e aconfessionale che non ha e non persegue fini di lucro, neanche indiretto. AISM ha natura di ente di volontariato, ai cui principi s’ispira. L’Associazione dal momento della sua nascita riconosce e promuove il volontariato come espressione diretta e viva della società civile; alto momento partecipativo di cittadini alla vita della comunità; fattore di pluralismo e di democrazia; espressione massima della libertà individuale; elemento fondante della cultura della solidarietà; attore, secondo il principio di sussidiarietà orizzontale, del sistema di tutela e garanzia dei diritti individuali e collettivi, della qualità di vita delle persone, del benessere comune e del progresso del Paese. Di tali principi l’Associazione ribadisce il valore assoluto quale autentico
pilastro della costituzione spirituale e materiale della società civile in una prospettiva di un’Italia e un’Europa rinnovata nelle persone e nelle relazioni.

 

Nel loro rispetto l’Associazione accoglie al proprio interno persone che condividano le proprie finalità e intendano operare personalmente e gratuitamente per il perseguimento dei fini istituzionali, predisponendo ed attuando un sistema interno per la promozione, il reclutamento, il potenziamento, la qualificazione, formazione, valorizzazione di tale risorsa, a partire dai valori della centralità e dignità della persona calati in un contesto organizzato e strutturato in cui viene favorita la piena e libera espressione della personalità e del talento individuale.

 

Il volontariato pertanto viene riconosciuto, promosso, e concretamente vissuto in AISM come condizione stessa  dell’esistenza dell’Associazione e dimensione irrinunciabile della propria azione, del proprio sapersi rinnovare e reinterpretare attraverso una perenne permeabilità tra individuo e gruppo, in una prospettiva d’interconnessione con la rete territoriale, sia del privato sociale che di tipo istituzionale e di forte tensione organizzativa, volta ad assicurare non  solo la massima dignità dell’esperienza di volontariato ma anche la capacità di dare conto dell’efficacia ed efficienza di un’attività, ancorché gratuita, preziosa e comunque certamente non illimitata.

 

Una opportunità unica ed insostituibile di messa a sistema di potenzialità di crescita individuale e di partecipazione attiva al proprio ambiente sociale per il perseguimento del superiore interesse collettivo. Un ponte tra individuo e comunità in grado di canalizzare aspettative di protagonismo e di autonoma iniziativa convogliando energie e risorse al fine del raggiungimento del bene comune. Per dirla in altri termini attraverso l’attenzione all’altro, la valorizzazione del sé. Il volontariato, autentico differenziale strategico dell’Associazione, fattore essenziale per la creazione di un nuovo capitale sociale.

Torna all'indice

 

Il valore della Carta del volontariato AISM

L’esigenza di arrivare ad una Carta del Volontariato in AISM (di seguito Carta) nasce a seguito dell’introduzione del Codice Etico associativo, ponendosi quale declinazione concreta dei principi, valori, stili, sensibilità, cultura dell’Associazione rispetto ad una primaria categoria di azionisti sociali: i Volontari e con essi i Giovani in Servizio Civile. La presente Carta, nata dopo un percorso ampiamente partecipato che ha visto il diretto coinvolgimento delle componenti associative interessate, proprio a partire da Volontari (storici, neofiti, continuativi, saltuari, dediti ad attività di assistenza piuttosto che di sensibilizzazione o tutela dei diritti, “maturi” o “young”) viene a costituire un riferimento prezioso sia per l’Organizzazione nel suo complesso che per il singolo, e mira:

 

a rendere espliciti i valori di riferimento dell’azione volontaria in AISM;
a preservare la dimensione etica e la cultura del volontariato in AISM favorendone la conoscenza e quindi la possibilità di riconoscersi in essa da parte di soggetti che per la prima volta entrino in contatto con la realtà AISM;
ad ancorare a principi generali e riconosciuti le regole che devono ispirare l’azione volontaria, favorendo a priori condizioni di piena legittimità, correttezza, appropriatezza delle condotte e dei comportamenti individuali e dell’ente;
a garantire gli stessi Volontari riguardo l’impegno, la serietà, la trasparenza, la capacità di agire di AISM ponendosi come cornice in cui collocare un rinnovato “patto negoziale” tra Volontario e Organizzazione di appartenenza.

 

La Carta è oggetto di un processo di evoluzione e aggiornamento costante, così da garantire piena aderenza alla realtà vissuta ed alle espressioni concrete dell’attività di volontariato in AISM, secondo la stessa metodologia di discussione interna, confronto e condivisione impiegata per la sua adozione.

Torna all'indice

 

Riferimenti interni ed esterni

La Carta, come detto, assume valore integrativo ed applicativo del Codice Etico AISM e FISM e si pone all’interno dello stesso come un suo naturale sviluppo. Conseguentemente l’interpretazione, applicazione, evoluzione della Carta deve avere luogo a partire dallo stesso Codice Etico che rappresenta il primario ed essenziale riferimento per la comprensione e attuazione della Carta del Volontariato AISM. La Carta pertanto è soggetta ai medesimi modelli di garanzia e strumenti di controllo predisposti in via generale per assicurare l’effettiva implementazione del Codice Etico, oltre a quelle misure di sostegno e monitoraggio specificatamente previste. Quali ulteriori riferimenti considerati ai fini della predisposizione della Carta e da tenere presenti in sede di sua interpretazione, applicazione, implementazione, sviluppo rilevano in particolare:

Per persone che ha avuto una caratteristico attacco / CIS all'esordio
Statuto AISM Esplicita le finalità istituzionali di AISM, la natura ed il carattere dell’ente, i principi fondamentali dell’organizzazione, la struttura ed il ruolo degli organi

Regolamento AISM

Regola il funzionamento dell’Associazione ad ogni suo livello, con riguardo agli organi e alle persone
Regolamenti applicativi Consiglio Direttivo Nazionale AISM Esplicitano in via interpretativa ed attuativa specifici aspetti di funzionamento ed operatività dell’organizzazione, nel rispetto di Statuto e Regolamento AISM.
Regolamenti per l’accesso a cariche AISM Esplicitano criteri e modalità di accesso alle cariche AISM e FISM di nomina AISM, declinando per le specifiche cariche la concreta applicazione dei principi associativi di riferimento.
Politiche e Linee guida AISM Forniscono orientamenti strategici di AISM-FISM su materie di particolare sensibilità ed interesse per gli enti e per i portatori di interesse.
Direttive e delibere del CDN AISM Provvedimenti che disciplinano con carattere generale o specifico situazioni e aspetti della vita dell’organizzazione
Carta Etica del servizio civile (adottata da UNSC Ufficio Nazionale Servizio Civile) Vincola gli enti di SC ed i giovani al rispetto dei primari valori del servizio civile con particolare riguardo alla difesa della patria, alla pace, alla solidarietà.
Carta dei valori del Volontariato (proposta da FIVOL) Riconosce e promuove il volontariato come espressione diretta e viva della società civile, momento partecipativo dei cittadini alla vita della comunità, fattore di pluralismo e di democrazia, elemento fondante della cultura della solidarietà secondo il principio di sussidiarietà orizzontale.

Torna all'indice

 

Principi di riferimento, modelli di comportamento, valori del volontario AISM

 

Vengono di seguito illustrati in una sorta di decalogo, i principi fondanti, i modelli di comportamento, i riferimenti etici ed organizzativi che caratterizzano e qualificano l’esperienza del Volontario in AISM, ispirati alla esperienza interna ed a quei contributi maturati negli ultimi anni nel settore no – profit e ampiamente condivisi dal mondo del volontariato:

 

a. Il Volontario AISM è la persona che, senza distinzione di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni individuali e sociali, mette a disposizione in condizioni di eguaglianza il proprio tempo e le proprie capacità investendo sé stesso nella sfida di AISM, per un mondo libero dalla Sclerosi Multipla, per un’esperienza che sia scuola di vita per sé e per gli altri. Il Volontario è chiamato a realizzare la propria attività in modo coerente con i valori e i principi di AISM ed è tenuto a conoscerne Visione, Missione, fini, obiettivi, struttura e programmi, ed a concorrere, secondo le proprie  possibilità, alla vita e alla gestione di essa nel pieno rispetto delle regole stabilite e dei livelli di responsabilità.

 

b. Il Volontario AISM opera per la realizzazione degli scopi di solidarietà e utilità sociale previsti dallo Statuto associativo, trovando il “giusto posto” nell’Organizzazione per dare il massimo contributo nel perseguimento delle finalità istituzionali, del programma strategico, del piano operativo dell’Associazione ai diversi livelli in cui è coinvolto, partecipando attivamente alla loro realizzazione e facendo sentire la propria voce all’interno della struttura dove opera. Il Volontario AISM concilia le proprie aspettative con quelle dell’Associazione traendo dalla propria esperienza elementi di arricchimento sul piano interiore e sul piano della crescita individuale con approccio non utilitaristico, ma di realizzazione del sé attraverso l’investimento nella causa e nelle attività dell’Associazione, tenendo sempre presente il superiore interesse delle persone con sclerosi multipla.

 

c. Il Volontario AISM opera, all’interno del livello organizzativo di riferimento, qualsiasi esso sia, mettendo sempre al centro della sua attenzione e del suo agire la persona con SM con i suoi bisogni, diritti e potenzialità preservandone e sostenendone la capacità di autodeterminazione. Riconosce la reciprocità, il rispetto, la parità nella diversità quali valori fondamentali della relazione tra persone, rifuggendo da qualsivoglia tipo di discriminazione diretta o indiretta. Protegge e promuove responsabilmente la salute ed il ben–essere della persona con sclerosi multipla come patrimonio non solo individuale, ma fattore chiave di progresso e sviluppo per l’intera Associazione e la stessa collettività.

 

d. Il Volontario AISM opera in modo personale, spontaneo, libero e gratuito1. Ciò comporta assenza di guadagno  economico, libertà da ogni forma di aspettativa di potere per sé o per terzi, rinuncia ai vantaggi diretti e indiretti derivanti dalla qualifica e da eventuali cariche o incarichi ricoperti in Associazione. L'attività del Volontario non può essere retribuita in alcun modo nemmeno dal beneficiario. Al Volontario possono essere soltanto rimborsate dal livello organizzativo di riferimento dell’Associazione le spese effettivamente sostenute per l'attività prestata, entro limiti preventivamente stabiliti in apposito regolamento. La qualità di Volontario è incompatibile con qualsiasi forma di rapporto di lavoro subordinato o autonomo e con ogni altro rapporto di contenuto patrimoniale con AISM.

 

e. Il Volontario AISM esplica la propria azione in modo integrato e coeso con tutte le componenti dell’Associazione per il livello organizzativo di appartenenza – altri volontari, dipendenti, collaboratori, persone con SM, operatori, soci, etc. - rispettando la dignità della persona ed impegnandosi ad informare la propria azione ai valori della condivisione, della solidarietà, della relazione con l’altro, dello scambio ed apertura, del confronto e dell’ascolto attivo.

 

f. Il Volontario AISM si impegna a rispettare le Leggi dello Stato, il Codice Etico, lo Statuto, i Regolamenti, le politiche, Linee guida e direttive interne, nonché le disposizioni fornite nelle singole materie ed aree dagli organi direttivi associativi o da propri preposti. Il Volontario opera nella massima legalità e trasparenza in tutta la attività e particolarmente nella raccolta e nell’uso corretto dei fondi e nel rapportarsi con la Pubblica Amministrazione. È disponibile a sottoporsi a verifica e controllo, anche in relazione all’organizzazione interna. Svolge i propri compiti con competenza, diligenza, responsabilità, valorizzazione del lavoro di équipe e della programmazione, accettazione della verifica costante del proprio operato. Garantisce, nei limiti della propria disponibilità, continuità di impegno e porta a compimento le azioni intraprese.

 

g. Il Volontario AISM si impegna a operare in modo da consentire ad AISM, per il proprio livello di competenza e  responsabilità, un’efficace collaborazione con le realtà del terzo settore e le istituzioni locali interessate, favorendo la condivisione delle risorse, la valorizzazione delle competenze, la programmazione e sviluppo di piani ed azioni concertate ed integrate allo scopo di favorire attraverso sinergie e lavoro di rete la attuazione delle finalità istituzionali dell’Associazione.

 

h. Il Volontario AISM si impegna a informarsi e formarsi con costanza e serietà, consapevole delle responsabilità che si assumono prima di tutto nei confronti dei destinatari diretti degli interventi, in primo luogo fruendo degli strumenti  nformativi e delle offerte formative messe a disposizione dall’Associazione nelle diverse modalità, la quale fornisce il sostegno e la formazione necessari per la crescita e per l’attuazione dei compiti del singolo Volontario sia sotto il profilo della cultura associativa che delle capacità tecnico-operative connesse al ruolo. A questo fine AISM garantisce un adeguato percorso di inserimento, affiancamento ed una costante attività di sostegno e supervisione dell’opera del Volontario. In particolare la formazione proposta dall’Accademia AISM accompagna l’intero percorso del Volontario e ne sostiene costantemente l’azione, aiutandolo a maturare le proprie motivazioni, fornendo strumenti per la conoscenza della realtà in cui è chiamato ad operare e dei problemi del territorio, trasmettendo abilità e competenze specifiche per il lavoro e la valutazione dei risultati.

 

i. Il Volontario AISM svolge la propria attività in maniera non anonima, ma quale portavoce responsabile del valori e degli impegni dell’Associazione. Si impegna a non operare in contrasto con AISM e FISM a qualsivoglia livello, e a non denigrarne programmi, attività, persone. Si impegna inoltre a mantenere un adeguato livello di riservatezza, a non diffondere - né in costanza di rapporto di volontariato né nell’eventuale ipotesi di cessazione dell’esperienza - informazioni, dati, notizie riservate o comunque protette, e a rispettare i ruoli e le responsabilità previste dal modello organizzativo e di governance e dal sistema di comunicazione interno, astenendosi dal dare informazioni o pareri su questioni e temi non rientranti nelle specifiche competenze e ruoli collegati allo specifico compito affidatogli.

 

j. Il Volontario AISM riceve idonea copertura assicurativa per i danni che potrebbe causare a terzi e a cose nello  svolgimento della attività di volontariato. Riceve altresì copertura assicurativa per gli infortuni e invalidità che possono derivare alla sua persona nell’ambito dello svolgimento dei compiti assegnati per quanto previsto dalla Legge 266/91  laddove essa trovi applicazione.

Torna all'indice

 

Accettazione, diffusione e conoscenza

Allo scopo di assicurare una adeguata ed appropriata conoscenza della Carta, per il livello di interesse, AISM ha cura di:
•  darne diffusione attraverso i principali canali istituzionali (sito internet, riviste associative, periodici, altro);
•  assicurare disponibilità e accessibilità della Carta presso le sedi associative, sia nazionali che territoriali;
•  prevedere forme pertinenti di presa di conoscenza, condivisione, sottoscrizione. In particolare all’atto dell’ingresso in Associazione il Volontario AISM prende atto e sottoscrive per accettazione la presente Carta e con tale sottoscrizione assume ad ogni effetto l’impegno ad applicarla in ciascuno dei sui principi e precetti;
•  monitorare il livello di effettiva conoscenza e applicazione dei principi e regole di condotta dettati nella presente Carta.

 

 

Note
1) Il compenso riconosciuto ai giovani in servizio civile da parte dell’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile e non direttamente da AISM non ha carattere di corrispettivo (e pertanto non rileva come retribuzione) e non altera, nel significato, l’impegno volontario del giovane nel dedicare un anno della propria vita a favore di uno scopo solidaristico, vero valore di coesione sociale. Il servizio civile volontario in AISM garantisce infatti ai giovani una forte valenza  educativa e formativa, una importante e spesso unica occasione di crescita personale, una opportunità per vivere sul campo esperienze concrete di cittadinanza attiva, contribuendo allo sviluppo sociale, culturale ed economico del nostro Paese.

Torna all'indice



  • Facebook
  • Twitter
  • Flickr
  • Medium
  • Pinterest
  • Canale Youtube
  • Instagram
  • forum
Questo sito utilizza i cookie (propri e di altre parti) per migliorare la tua navigazione.
Proseguendo autorizzi l’uso dei cookie.
Leggi l'informativa
accetto